I migliori e i peggiori tagli di capelli per le donne



I tagli di capelli sono un affare complicato. A tutti è capitato di sentire storie horror di gente che è entrata dal parrucchiere con una fantastica idea in testa e ne è uscita con un taglio di capelli orrendo ed emotivamente devastata. Un taglio di capelli fatto male ti può davvero rovinare l’umore. Per giorni, se non per settimane o per mesi. Dipende da quanto tempo ci metteranno i capelli a ricrescere. Proprio come i tagli fatti bene, quelli belli che ti possono migliorare la giornata e la vita. Almeno nel futuro più prossimo. Avere un bel taglio di capelli può effettivamente far ridurre lo stress delle tue giornate e il tempo da passare davanti allo specchio al mattino. Tuttavia, il fatto è che i tagli di capelli sono qualcosa di molto personale. Il taglio fantastico della tua star preferita o del tuo migliore amico, su di te potrebbe essere orribile e viceversa. I tagli migliori sono quelli personalizzati, studiati sulla forma del viso e sulla consistenza dei capelli, anche se ce ne sono alcuni che stanno bene un po’ a chiunque e sono adatti un po’ a tutti. Stessa cosa per i tagli brutti, alcuni non stanno bene a nessuno. Diamo un’occhiata ai migliori e ai peggiori tagli di capelli per le donne.

Miglior taglio: lunghi scalati

Un taglio lungo e scalato è una buona opzione per gran parte delle donne, ma soprattutto per i capelli ricci. Se sei riccia e hai molti capelli sai bene quale sia la sensazione di avere troppi capelli in testa e cosa significhi gestirli. Diventano crespi, sono pesanti e, se hai un taglio pari, sembra quasi che tu abbia una piramide sulla testa. Per questo il lungo scalato è sicuramente la strada da percorrere. Inoltre, la lunghezza potrebbe aiutarti a combattere l’effetto crespo e a tenere a bada i ricci anche con il solo peso dei capelli.

Peggior taglio: a forma di V

Negli anni ’90 e nei primi anni 2000, andava di moda quel taglio di capelli a forma a V capovolta intorno al viso. Se pensi che un taglio del genere ti stia bene, ti sbagli. Oltre a ricordare un po’ una spina di pesce, non puoi modellarlo in nessun altro modo. Fa sembrare ridicola anche una coda di cavallo. Assolutamente da evitare.

Miglior taglio: leggermente scalato

Se hai i capelli lisci o mossi, un taglio leggermente scalato è sempre il top. Questo tipo di taglio di capelli sta bene letteralmente a tutte e i tuoi capelli saranno bellissimi, anche se il massimo dell’impegno che ci hai messo è stato lavarli e asciugarli. La scalatura darà un po’ di consistenza e volume anche ai capelli più lisci, il che ha i suoi vantaggi. Il numero di livelli potrà determinarlo soltanto il parrucchiere in base allo spessore e al corpo dei tuoi capelli, lo stesso vale per la lunghezza. Di solito, anche la frangia è una buona idea.

Il peggio del peggio: la frangia su un viso grande

Partendo dal presupposto che i capelli e il viso sono i tuoi e puoi farci quello che ti pare, se hai un bellissimo faccione non è assolutamente il caso di optare per la frangia. Se hai un viso grande che vorresti un po’ nascondere, evita semplicemente di fare la frangetta. Lo farà sembrare enorme.

Miglior taglio: Bob netto

Molte donne credono di non potersi permettere un bel bob solo perché hanno un viso rotondo. Ma non è così. Se hai una faccia un po’ rotondetta, il taglio peggiore da portare sono i capelli lunghi. Un bob netto e spettinato può mitigare le linee curve del volto e, con le linee rette del taglio, dare un effetto più spigoloso al tuo viso.

Peggior taglio: capelli super lunghi

A meno che tu non sia una modella vincolata a un contratto di lavoro che ti obbliga ad avere capelli super lunghi, meglio evitare. È un taglio che non ci si può permettere se non si ha tutto il tempo necessario per prendersene cura. Sii realista, non hai tempo per prenderti cura delle tue cose importanti, figuriamoci prenderti delle ore per i capelli. Il più delle volte sarai costretta a farti una di quelle noiosissime trecce oppure dovrai sederti con le spalle al muro per mostrare i tuoi capelli meno possibile. Nessuno ti salverà da spazzola e phon ad ogni lavaggio. E avere capelli lunghissimi, sani e brillanti è davvero un’impresa.

Miglior taglio: Bob asimmetrico

Parlando di bob, un’alternativa potrebbe essere una variante asimmetrica, nota anche come bob A-line. In pratica, i capelli sono più corti nella parte posteriore e più lunghi nella parte anteriore. Sarai tu ad essere super chic, non il tuo taglio. Puoi renderlo più morbido facendo le onde o puoi tenere i capelli lisci. Come più ti piace. Un motivo ci sarà se Victoria Beckham ha questo taglio di capelli da anni, no? Non richiede molta cura, sta bene praticamente a tutte ed è esageratamente bello.

Peggior taglio: permanente stretta

No, le permanenti non sono rimaste negli anni ’80, sono tornate per vendicarsi anche nel 2020. Ma stavolta, almeno, non rischi di friggerti i capelli e puoi scegliere quanto deve essere stretto il ricciolo. Se hai i capelli lisci come spaghetti e tutto quello che hai sempre desiderato è avere una chioma di ricci elastici, la permanente è semplicemente quello che stavi cercando. Ma mi raccomando, assicurati che i riccioli abbiano un aspetto moderno e non siano quelli strettissimi da anni ’80. Per favore.