Ecco cosa succede al nostro corpo quando beviamo caffè tutti i giorni – Her Beauty

Ecco cosa succede al nostro corpo quando beviamo caffè tutti i giorni

Advertisements

Nel mondo sono milioni le persone che ogni giorno bevono caffè: che sia per svegliarsi al mattino, per avere la carica durante il corso della giornata o per il semplice piacere di gustarsi tale bevanda, il caffè è un’abitudine alle volte irrinunciabile. E noi italiani lo sappiamo bene! Non tutti sanno, però, cosa succede al proprio corpo quando si consuma caffè e quali effetti genera nel lungo termine. Sono tanti gli studi che hanno cercato di approfondire la questione ma, tutt’oggi, non è stata ancora definita una linea che metta d’accordo tutti. C’è chi sostiene che faccia male, chi ne esalta le particolarità benefiche. Una cosa è chiara: come tutte le cose, non bisogna abusarne. Mettiamo la moka sul fornello e vediamo cosa succede al nostro corpo quando beviamo caffè tutti i giorni, dagli effetti negativi a quelli positivi. 

CREA DIPENDENZA

Anche senza approfondimenti scientifici risulta palese che il caffè crei dipendenza. Se parliamo in termini di scienza capiamo subito che non si tratta di semplice abitudine. Quante volte ci è capitato di sentirci irritati, annebbiati, con dolori alla testa, se saltiamo una tazza di caffè? Questo perché la caffeina si lega a determinati recettori nel cervello che stimolano il sonno. Senza caffè, l’energia diminuisce e il corpo entra in fase di astinenza.

DISTURBA IL SONNO

Ammettiamolo: l’odore del caffè appena svegli è una sensazione impagabile. Berne una o due tazze durante la mattinata è qualcosa che fanno tutti ma in pochi sanno che il tempo di smaltimento della caffeina si attesta intorno alle sei ore. Non sarà mica quel caffè dopo cena che interferisce con la qualità del sonno? A quanto pare sì!

CREA AGITAZIONE

In quanto stimolante, il caffè può provocare sintomi di nervosismo, agitazione, ansia e, in casi estremi, attacchi di panico. Se dovesse palesarsi uno di questi segnali, anche in modo blando, è consigliabile ridurre il consumo di caffeina per evitare l’insorgere di psicosi e ansia cronica.

IN GRAVIDANZA PUÒ ESSERE DANNOSO

Il caffè è una bevanda forte: abbiamo visto come i suoi effetti incidano sulla salute sia mentale che fisica. Ecco perché è sconsigliata l’assunzione in fase di gravidanza, il feto non riuscirebbe a metabolizzare la caffeina e rischierebbe di assumere meno nutrimenti.

ALLUNGA LA VITA

Ai nostri giorni l’aspettativa di vita di un essere umano è aumentata notevolmente rispetto al più recente passato. Uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine ha testimoniato come i consumatori di caffè con età superiore ai 50 anni abbiano un rischio di morte prematura decisamente inferiore rispetto a coloro i quali non bevono questa bevanda.

RIDUCE IL RISCHIO DI DIABETE

Chi soffre di diabete ha più probabilità di incorrere in altri problemi di salute come malattie cardiache e renali, ictus e perdita della vista. Ancora una volta il caffè viene in soccorso di chi lo beve: è stato dimostrato che il rischio di diabete è ridotto nei consumatori di questa bevanda, anche decaffeinata.

AUMENTA I LIVELLI DI ANTIOSSIDANTI

Loading...

Gli antiossidanti sono degli elementi chiave per contrastare i danni causati dai radicali liberi e, sorpresa, il caffè è ricco di antiossidanti. Un altro fattore positivo per integrarlo nella dieta, a patto di non abusarne.

STIMOLA LA SALUTE MENTALE

Una scoperta scientifica pubblicata sulla rivista Frontiers in Neuroscience ha confermato come il consumo di caffè diminuisca il rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson. Tale potenzialità non è insita nel caffè vero e proprio ma, piuttosto, nella sua tostatura: i fenilindani, composti che agiscono sulle proteine responsabili dei due morbi prima citati, si formano man mano che i chicchi vengono tostati.

IMPLEMENTA LA MEMORIA

Per indagare la correlazione caffè-memoria, dei ricercatori hanno fornito ad un gruppo di partecipanti allo studio una dose di caffeina prima di fargli osservare delle immagini, mantenendo un altro gruppo di controllo senza caffè; il giorno successivo il “gruppo caffeina” ha dimostrato una miglior capacità di riconoscere le immagini rispetto all’altro gruppo. Il risultato dell’indagine: la caffeina migliora la memoria!

MIGLIORA L’ATTENZIONE

Il caffè è uno stimolante straordinario: tutto merito della sua azione sui neurotrasmettitori di dopamina e noradrenalina che, da un lato, riduce la sensazione di stanchezza, mentre dall’altro stimola la concentrazione. Non solo, alcune ricerche hanno scoperto che chi beve caffè ha meno probabilità di soffrire di depressione.

FAVORISCE LA PERDITA DI PESO

Se accompagnato ad uno stile di vita sano e attivo, il caffè può favorire la perdita di peso. La sua azione è efficace sia nelle prestazioni fisiche sia nel metabolismo, aiutando il corpo ad assorbire gli alimenti e a bruciare i grassi.

MIGLIORA LA SALUTE DEL FEGATO

Ecco un aspetto che tocca da vicino festaioli e amanti della vita mondana: chi consuma regolarmente alcol ma beve anche da una a quattro tazzine di caffè al giorno, ha minor possibilità di incorrere in cirrosi derivanti dai superalcolici. Ciò non significa che ci si può scolare una bottiglia intera di vino e che, grazie a un ristretto, la sbronza passi magicamente: bere sì, ma con moderazione… anche il caffè!

Advertisements