Maledetta primavera o maledetti social? – Her Beauty

Maledetta primavera o maledetti social?

Advertisements

L’Arena di Verona è uno dei luoghi più magici e suggestivi d’Italia e il 9 e 10 settembre scorsi è stato proprio il suo palcoscenico ad ospitare i Seat Music Awards 2021, con Carlo Conti e Vanessa Incontrada al timone. Gli Awards sono l’occasione per fare il punto sui successi musicali dell’estate e premiare gli artisti che negli ultimi mesi hanno conquistato dischi d’oro, di platino o multiplatino. Gli artisti che si sono esibiti? Tantissimi! Baglioni, Orietta Berti, Achille Lauro, Fiorella Mannoia, Zucchero, la Bertè, Gabbani, Guè Pequeno, Elettra Lamborghini, Shablo, Shade, Marracash, i Boomdabash, Noemi & Carl Brave, i Pinguini Tattici Nucleari… La lista sarebbe davvero lunghissima. Ma il vero caso mediatico è nato intorno ad un’ospite “non musicale”. Loretta Goggi, ospite della seconda serata, era stata invitata per ricevere un premio per la sua lunghissima e brillante carriera, ma al popolo dei social questo non interessava e gli haters più agguerriti si sono concentrati sul suo vestito, il suo volto, il suo trucco e i suoi capelli.

Lo spettacolo all’arena

Loretta, dopo il successo come giudice a Tale e Quale Show, è stata invitata da Carlo Conti per ricevere un meritato riconoscimento per la sua brillante carriera che dura da oltre sessant’anni! È salita sul palco, visibilmente emozionata e felice, e ha cantato maledetta primavera, una delle canzoni italiane più famose di sempre.

Trucco e parrucco

Gli insulti peggiori che la Goggi si è ritrovata a leggere erano rivolti proprio al suo trucco, all’ acconciatura, al suo vestito (ma del vestito ne parliamo tra un attimo) e al suo volto. Non è stata tormentata per qualcosa che ha detto o fatto durante la premiazione, per quello è stata impeccabile. È stata offesa solo per il suo aspetto. Cattiveria gratuita da parte di gente probabilmente infelice e insoddisfatta.

Il vestito

Il favoloso vestito di Etro indossato da Loretta sul palco è stato definito “un vestito da pagliaccio”. Basterebbe solo questo a dare il giusto valore ai commenti che la Goggi si è ritrovata a leggere. Probabilmente gli haters non se ne rendono nemmeno conto, ma dopo un primo momento di rabbia, commenti gratuitamente offensivi come questo possono suscitare solo tristezza per chi li scrive.

Loading...

Cantare in playback

Se c’è una cosa che sembra essere imperdonabile a un/una cantante è cantare in playback. Esibirsi su un palco senza dare sfoggio delle proprie reali doti canore è un peccato capitale che nemmeno il più indulgente dei fan può perdonare. Mai cosa più falsa! Sono tantissimi i cantanti che per i più svariati motivi si esibiscono in playback. E non sembrava proprio che, durante l’esibizione della Goggi, le migliaia di spettatori in arena se ne stessero preoccupando, impegnati com’erano a cantare Maledetta primavera! Canzone che quest’anno compie 40 anni .

Social, addio

“Ho deciso di allontanarmi definitivamente da social e dai relativi insulti, che oltre a ledere la libertà di chiunque su come desideri vestirsi, pettinarsi o truccarsi (e guardando bene le foto dei profili di chi li manda forse dovrebbe solo spolverare il suo specchio, sempre che ne abbia uno in casa, ma dubito), offendono il comune senso del buon gusto! Non lo faccio solo per me, che sono una “tosta”, ma per tutte le donne e gli uomini che subiscono il body shaming”. Così la Goggi ha concluso il suo messaggio di addio.

Ma era proprio necessario?

Era davvero necessaria una reazione così drastica? Sono tantissimi i personaggi famosi che quotidianamente ricevono messaggi offensivi ai quali non rispondono, che rispediscono al mittente o di cui semplicemente ne bloccano gli autori. Eliminarsi dai social è stata davvero la scelta vincente? Secondo molte colleghe della Goggi, no.

Advertisements